venerdì 30 dicembre 2011

Lo stellium nel cielo di RS

Da uno scambio di informazioni pubblicato su Facebook.
  • Luciano, mi dai una tua opinione sugli stellium nella RS(m) ? 
  • Lo stellium in una casa (mettiamo, in Quinta) di RS è -- nella pratica -- perfettamente equivalente all'Ascendente di RS nella Quinta casa natale, al Sole di RS nella Quinta di RS e al Marte di RS nella Quinta di RS. Né più né meno, è uno dei fattori essenziali che fornisce indicazioni sull'argomento prevalente dell'anno, senza dirci (almeno a una prima analisi, e fermo restando le famose case che secondo Ciro sono "pericolose") se quell'argomento (cioè quel simbolo astrologico) si rivelerà in modo positivo, negativo, o anche solo neutro. Ecco, lo spiego qua.
  • ok! grazie ...insomma non si riesce a fare distinzioni di sorta allora...!?!
  • Distinzioni di che tipo? se è più importante l'Ascendente o se è più negativo lo stellium...? In linea di massima, come ti dicevo, AS, Sole, Marte e Stellium sono equivalenti. Poi però si fanno delle distinzioni, perché l'AS di RS nella Decima natale, per esempio, può avere un effetto "bipolare" (è positivo se ci sono transiti positivi e negativo se ci son transiti negativi), lo stellium di RS in 8^ di RS è sempre negativo (mentre per esempio, il Sole in 8^ o l'AS in 8^ non necessariamente sono negativi, dipende dal contesto).
    Dove metterei lo stellium [che si sta formando] in Ariete? Primo, non conta in che segno si trova ma conta solo in quale casa. Perciò bisognerebbe evitare che cada nella Prima, nella Sesta, nella Dodicesima e nell'Ottava, facendo però anche attenzione che per evitare questa cosa, non si vadano a produrre danni maggiori (per esempio l'AS in Sesta o Marte in Dodicesima).

martedì 25 ottobre 2011

My first book available soon on Amazon.com

Dal blog di Ciro Discepolo: "fra meno di un mese sarà pubblicato un altro mio libro, Relocating Solar Returns, scritto a quattro mani con il bravissimo Luciano Drusetta e con un capitolo, in Appendice, di Margherita Fiorello. I lettori USA, ma anche quelli Inglesi, Canadesi, Australiani, Europei, Russi, ecc. stanno molto apprezzando questi libri e li comprano prim'ancora che appaia una recensione o la possibilità di leggere un capitolo interno. Questa è la più grande soddisfazione della mia vita. Diversi lettori stranieri mi dicono già di possedere tutti i miei libri in lingua inglese."

I have written eight chapters of this volume, focusing on the question of "time and space in Astrology" as well as "the importance of being there". This is an excerpt from my preface:


LECTORI SALUTEM
I am the translator of Ciro Discepolo’s entire works in English. I have also translated some of his works in Spanish. Italian is my native tongue, and I typically translate texts from English, French, Spanish, and Hungarian to Italian. My translations of André Barbault’s articles from French to Italian are favourably considered here in Italy.

Translating into a foreign language is deemed to be unprofessional. I have accepted to translate Ciro’s books and articles on one condition: that a native proof-reader amends and edits my rough translation. This thankless task relies on Ram Ramakrishnan, a good friend who is also an astrologer, a brilliant writer, a poet, a creator, an artist. Let me express my thankfulness to him. He helps me very much by amending my poor English, making it readable for you. [...]

There is a severe discussion here in Italy on the topic of “the right place for casting a chart of Solar Return”. Important astrologers believe that the chart of Solar Return must not be cast for the place where you are at that moment. They cast it for your birthplace or for the place where you have your current residence instead, thus excluding any possibility of relocation.

It is my belief that this discussion involves mainly, if not exclusively, Italian astrologers. To my best knowledge, the technique of relocating the Solar Returns is widely accepted and commonly put into practice by astrologers all around the world. [...] Thus, I have organized my chapters as a roundup on different techniques – including those not belonging to Discepolo’s school of Active Astrology. I have tried to focus on one essential and philosophical point, which is the importance of time and space in Astrology. [...] I am confident that you will find my chapters a pleasant reading above all. You may also hopefully appreciate some bits of astrological advice in my pages, especially when I disclose to you some episodes from my personal practice of counselling.

Please let me express my gratefulness to my master, Ciro Discepolo, for offering to me the opportunity of publishing my thoughts and beliefs in this volume.

I would also like to thank my wife for her patience in allowing me to spend several hours at the computer – not all of those hours have been really productive ones, though. Still, her unobtrusive interest in my intellectual production has been of fundamental importance, spurring me to finish it in due time despite all my lazing about on the social networks. I know that beside any other woman, my personal contribution to this volume would have never seen the light.

Luciano Drusetta
Casalmaggiore (Cremona), Italy, with the Sun at 15°50’ Virgo, A.D. 2011

domenica 4 settembre 2011

730 giorni


Il tabulato dei 730 giorni è un file prodotto dal pacchetto "tecnico" dei software ASTRAL di Ciro Discepolo. Si chiama così perché può fornire l'analisi dettagliata dei transiti, combinata con le RS, per un periodo fino a due anni. In realtà, conviene studiare un anno alla volta, in quanto la località dove uno si trova al momento della RS può cambiare di molto il risultato finale di quest'analisi.

Questo tabulato è ricchissimo di informazioni dettagliate che ovviamente non hanno tutte lo stesso peso, perciò può anche creare confusione in chi lo legge e per questo motivo non lo consegno tutti gli anni a chi mi richiede un consulto.

Personalmente consiglio di leggerlo partendo dal fondo, cioè dalla lista degli eventuali accumuli di transiti positivi o negativi. Questi sono tra i periodi più importanti dell'anno; quando ci sono accumuli di transiti negativi occorre tirare i remi in barca, evitare di occuparsi di cose importanti, oppure ancora meglio: attivarsi per esorcizzare o scaricare i simboli coinvolti, in senso junghiano.

Gli accumuli di transiti positivi indicano i periodi nei quali vale la pena concentrare le cose da fare, i progetti importanti, le azioni che vogliamo fare per superare degli ostacoli, ottenere risultati, liberarci da intralci.


Subito dopo la lettura degli accumuli, consiglio di andare a ritroso nel testo per vedere se, qualche riga più sopra (sotto la descrizione essenziale della RS), il tabulato dei 730 giorni evidenzia eventuali sinergie tra la RS e determinati transiti. Non tutti gli anni avvengono queste sinergie e se ci sono, possono essere positive o negative. Se le sinergie sono positive l'anno si prospetta buono e possiamo ottenere grandi cose; se sono negative, un po' tutti i 12 mesi di validità della RS possono essere negativi anche se i transiti durano di meno.


Non sempre nel file "730 gg" la RS con le eventuali sinergie viene calcolata in base alla località reale, per motivi che adesso sarebbe un po' lungo spiegare. Si tratta dunque di un'informazione approssimativa che può cambiare notevolmente se si fa un viaggio di RS mirata, cioè se si decide di rilocare la RS o se (anche non per espressa volontà astrologica) ci si trova a festeggiare il proprio compleanno in una località insolita; perciò su questo specifico punto occorre sempre fare riferimento al resoconto della RS + transiti che normalmente consegno in un unico file di formato PDF.

A questo punto vale la pena andare a vedere più in dettaglio (sempre a ritroso nel testo) in quali date si sviluppano questi eventuali transiti che fanno sinergia con la RS e che cosa comportano. Poi, sempre in ordine inverso di importanza, si possono andare a vedere i passaggi dei pianeti nelle case e infine viene tutto il resto.


Un'avvertenza importante: per transiti che superano il periodo a cui si riferisce il "730 giorni", le date di inizio e/o di fine del transito possono risultare falsate. Per esempio, se il file si riferisce al periodo luglio 2010 – giugno 2011 e un certo transito inizia prima del luglio 2010, nel file "730 giorni" la sua data di inizio è indicata come "1/7/2010"; e se finisce dopo il giugno del 2011 la sua data di fine è comunque indicata come "29/6/2011".

martedì 30 agosto 2011

L'Era dell'Ariete, l'Era dell'Ofiuco e l'Era del Cinghiale bianco


Nel resoconto scritto del mio ponderoso seminario "Astronomia per astrologi" ho commesso un errore e l'ho ammesso pubblicamente, non appena me ne sono accorto. Però non ho mai detto qual era. E' un errore abbastanza banale, una svista; ma ancora nessuno sembra averla notata. Eppure so che quel mio seminario è stato letto da astrofili molto critici nei confronti dell'Astrologia, i quali l'hanno certamente passato al setaccio.

Eppure non hanno trovato alcun errore, al punto che qualcuno ha malignato: "Sicuramente non può essere farina del suo sacco. Questo Drusetta l'avrà scopiazzato da qualche parte." E invece no... Chi ha assistito di persona al mio seminario a casa di Lidia Fassio, può testimoniare che avevo sì preparato degli appunti, ma sono stato in grado di tenere praticamente l'intero corso "a braccio", senza leggere nulla.

In questi giorni, invece, mi è stato fatto notare un altro errore, che sarebbe contenuto in questa frase:

8) Tuttavia qualcuno ipotizza che, all’incirca 4000 anni fa, epoca in cui presumibilmente i dettami astrologici e l’intero sistema di riferimento astrologico furono fissati in forma organica e tramandati fino ai giorni nostri, il punto vernale corrispondente al primo grado del segno dell’Ariete si trovasse effettivamente proiettato, sulla volta celeste, nei primi gradi della costellazione dell’Ariete.

Come si vede, si tratta di un elenco numerato estrapolato da un contesto piuttosto ampio e articolato. Invito perciò i miei lettori a leggere (eventualmente a rileggere) l'intero articolo sul sito del Convivio Astrologico, al quale ho avuto l'onore di collaborare per un certo periodo.

L'errore però non è di mia proprietà, nel senso che io non affermo che 4000 anni fa il punto vernale si trovasse proiettato ai primi gradi della costellazione dell'Ariete! Ho solo riferito che qualcuno ipotizza che fosse così. Non è un sofismo, ma semplice analisi grammatical-sintattica del periodo.

Mio errore, se c'è stato, è stato nel non verificare la veridicità o la precisione dell'affermazione che ho riferito. Tuttavia, forse l'affermazione che 4000 anni fa (e non 2000) il punto vernale si trovasse all'inizio dell'Ariete non è del tutto errata, se si entra senza pregiudizi nel contesto e nello spirito di quel mio articolo. Vediamo se riesco a spiegare perché.

Tutti gli astrologi che si rifanno alla teoria delle Ere Zodiacali concordano nel ritenere che oggi, nell'anno 2000 o giù di lì, stiamo entrando nell'Era dell'Aquario dopo che si sta concludendo l'Era dei Pesci. In realtà, una data precisa è impossibile da stabilirsi, per i motivi spiegati in quell'articolo e in parte ripetuti qui di seguito.

Semplificando al limite dell'accettabile, ogni era zodiacale durerebbe circa 2000 anni: tempo necessario al punto vernale a percorrere 30 gradi di eclittica in senso retrogrado, dunque ripercorrendo i segni e le costellazioni in senso "contrario" al loro ordine naturale: dal Toro all'Ariete, dall'Ariete ai Pesci, dai Pesci all'Aquario e così via.

Se ciò è vero, allora circa 2000 anni fa il punto vernale si trovava effettivamente tra l'Ariete e i Pesci, e cioè "all'inizio dell'Ariete" e "alla fine dei Pesci" dal punto di vista astronomico (come giustamente si evince dalla splendida illustrazione riportata nel blog del mio fine questionatore) e considerando l'ordine naturale delle costellazioni e dei segni: Aquario, Pesci, Ariete, Toro...

Ma considerando il moto retrogrado del punto vernale, volendo si può affermare che in quel momento esso si trovava "alla fine dell'Ariete" (alla fine dell'Era dell'Ariete, in effetti) e "all'inizio dei Pesci" (all'inizio dell'Era dei Pesci), considerato l'ordine in cui avviene la precessione, e cioè: Toro, Ariete, Pesci, Aquario...

Duemila anni prima, cioè circa 4000 anni fa, il punto vernale si sarebbe trovato circa 30 gradi più in là, sempre in senso retrogrado; in altre parole, "alla fine dell'Ariete" e "all'inizio del Toro". Ma contemporaneamente, nell'ottica della teoria delle Ere Zodiacali, il punto vernale segnava la fine dell'Era del Toro e l'inizio dell'Era dell'Ariete. E in questo senso gli astrologi affermano che il punto vernale fosse "all'inizio dell'Ariete".

Se questo mio ragionamento vi sembra un volersi arrampicare sugli specchi, vi chiedo di immaginare una strada lunga 5 km nella quale ad ogni chilometro si trova una "pietra miliare". Le pietre in tutto sono 6. Chi viaggia in una direzione vede una sequenza di questo tipo: km 0 (partenza), km 1, km 2, km 3, km 4 e km 5 (arrivo). Per chi viaggia nella direzione inversa, la sequenza è km 5 (partenza), km 4, km 3, km 2, km 1 e km 0 (arrivo).

Ora immaginiamo due automobili che percorrono questa strada nelle due direzioni, incontrandosi in prossimità della pietra indicante il km 3. Chi proviene dalla prima direzione avrà percorso 3 km esatti, mentre chi proviene dall'altra direzione ne avrà percorsi solo 2.

Chi proviene dal km 0 riterrà di trovarsi "alla fine del terzo chilometro e all'inizio del quarto", mentre chi proviene dal km 5 riterrà di trovarsi "all'inizio del terzo chilometro e alla fine del secondo".

Come vedete, la direzione nella quale ci si muove comporta un diverso modo di conteggiare i chilometri e i punti di riferimento (le pietre miliari). Se i due automobilisti si fossero dati appuntamento "al secondo chilometro" avrebbero corso il rischio di non capirsi e di non incontrarsi.

Ricapitolando, in effetti quella mia frase (che però riferisce affermazioni altrui) contiene un errore astronomico: perché 4000 anni fa il punto vernale non si trovava proiettato "nei primi gradi della costellazione dell'Ariete", come ho scritto riferendo ciò che affermano molti fautori della teoria delle Ere Zodiacali.

Però l'errore astrologico a mio avviso non c'è, se riteniamo valida la teoria delle Ere, consideriamo valida pure l'approssimazione (2000 anni) della durata di ciascuna era e prendiamo come punto di riferimento la direzione della precessione del punto equinoziale: perché in tal caso sì può affermare che 4000 anni fa il punto vernale "era ai primi gradi del segno dell'Ariete".

E qui siamo però in un campo minato, in quanto si parla di un punto astronomico (il punto vernale gamma, l'equinozio di primavera) e della sua posizione rispetto alle costellazioni (che sono raggruppamenti apparenti di stelle, proiezioni celesti di miti e archetipi senza tempo, e ciascuna di esse ha un'estensione spaziale diversa rispetto a quella di tutte le altre) e/o rispetto ai segni -- ma quali segni? quelli attuali? o quelli di un ipotetico Zodiaco primordiale, cioè quello corrispondente all'ipotetico periodo di nascita dell'Astrologia?

Come spiego nell'articolo in questione, i due concetti (quello di costellazione astronomica e quello di segno astrologico) sono incommensurabili, cioè non sovrapponibili. Comunque li si giri e li si volti, segni e costellazioni non corrisponderanno mai!

Se le Ere Zodiacali dipendessero dalla posizione del punto vernale rispetto alle costellazioni, ciascuna era avrebbe una durata diversa, in quanto ciascuna costellazione occupa una estensione diversa dell'eclittica.

Al contrario, la teoria delle Ere Zodiacali presuppone una successione di ere tutte uguali, esattamente della stessa durata, ciascuna di esse corrispondente a uno spostamento retrogrado di 30 gradi del punto vernale sull'eclittica: è pertanto implicito che il punto di riferimento non possano essere le costellazioni dell'Eclittica (che sono un po' come Don Chisciotte e Sancho Panza: qualcuna lunga lunga lunga e qualcun'altra stretta stretta stretta), ma bensì i 12 segni dello Zodiaco (che sono per definizione tutti belli uguali, regolari, di 30 gradi ciascuno).

domenica 21 agosto 2011

Due domande e due risposte sulle Rivoluzioni Solari

* La RS comincia a farsi sentire qualche giorno prima?
E' un argomento molto discusso fra gli astrologi, ma Ciro Discepolo lo esclude assolutamente e io sono d'accordo con lui, per un motivo molto concreto. Se accettiamo che la RS va calcolata per il luogo dove uno si trova fisicamente in quel momento, immaginiamo una situazione di questo tipo. Quest'anno decido di passare la mia prossima RS in un posto molto esotico. Mi informo e mi  preparo psicologicamente e concretamente al viaggio: prenoto l'hotel, faccio il visto, compro il biglietto aereo eccetera. Mancano pochissimi giorni al viaggio, poche ore.
Ora, se è vero che la RS si fa sentire qualche giorno prima, a questo punto già si deve sentire la RS che ho scelto io, quella del viaggio. Poi però all'ultimissimo momento mi succede un imprevisto e devo disdire tutto per restare a casa. Se è vero che la RS si fa sentire qualche giorno prima, quale delle due RS si fa sentire? Quella che avevo scelto e programmato, o la RS che mi tocca all'ultimo momento?
La situazione si può anche rovesciare. Mettiamo che decido di stare a casa, ma all'ultimo momento prima del compleanno, un amico mi offre un passaggio oppure vinco un bel viaggio. Quale delle due RS si farebbe sentire in questo caso: quella di base (cioè quella che avrei comunque restando a casa), o quella che mi beccherei andando in giro per il mondo?
Direi dunque, per farla breve, che se accettiamo l'idea di calcolare il cielo di RS per la località dove uno si trova fisicamente in quel momento, questa cosa esclude per logica la possibilità che la RS si faccia sentire prima.
Secondo me, quello che si fa sentire nei giorni immediatamente precedenti alla RS sono certi transiti che vanno nella stessa direzione della RS. Infatti anche nei testi di Discepolo (e nei suoi video su YouTube) lui dice che spesso l'astrologia dà indicazioni sovrabbondanti: transiti, RS e Rivoluzioni Lunari sembrano spesso puntare nella stessa direzione, almeno in certi periodi importanti della vita (e i 40 giorni a cavallo del compleanno sono tra quelli più importanti).
E' stato notato che spesso, nella ricerca di una buona meta per una RS mirata, gira e volta, cambia e ricambia, ritornano in ballo sempre gli stessi elementi. Questo da un lato è dovuto al fatto che nella scelta di una buona rilocazione si devono sempre escludere certe combinazioni potenzialmente pericolose (il che riduce notevolmente il numero di combinazioni possibili), ma dall'altro lato può anche far pensare che il nostro libero arbitrio sia in realtà molto più limitato di quanto possiamo pensare, e che anche l'Astrologia Attiva non permetta poi quella grande libertà di scelta che spesso ci illudiamo di avere.
Va anche detto che spesso i progetti e le situazioni più importanti maturano nel tempo. Così magari uno, durante una certa RS, progetta di comprare casa e si attiva contattando agenzie immobiliari e visitando immobili; questo però potrebbe anche non essere l'avvenimento principale dell'anno, così nel cielo di quella specifica RS potremmo anche non trovare segnali di questioni immobiliari. Poi, durante la RS seguente, si decide l'acquisto e si chiede un mutuo; e durante la RS ancora successiva si prende possesso della nuova casa. In questo caso possiamo avere anche fino a tre anni in cui ci sono questioni immobiliari, ma non in tutte e tre le RS ci possono essere evidenti segni di ciò.
* La sovrapposizione di un pianeta di RS su un pianeta di nascita è rilevante?
Lo è nel senso che si tratta pur sempre di un transito significativo. Se al momento della RS c'è Saturno sulla Luna natale, questo vuol dire che la RS avviene durante un transito di Saturno in congiunzione alla Luna natale.
Alexandre Volguine, autore di un importante trattato sulle RS, sovrapponeva il grafico di RS con il tema natale e li studiava entrambi a fondo, come se fosse una sinastria, un oroscopo di coppia. Ma così facendo elaborava centinaia di indicazioni, spesso anche contraddittorie. Ciro Discepolo ha ritenuto di dover semplificare la comparazione tra RS e tema natale, limitandola a un punto solo: in quale casa natale cade l'Ascendente di RS. Per tutto il resto, il cielo di RS si interpreta come un grafico a sé stante; ma anche in questo caso, non si legge in dettaglio come un tema natale, ma si guardano solo alcuni punti importanti; tutto il resto si tralascia. Solo così la RS diventa chiara, a volte perfino lampante.
Ovviamente il metodo di Discepolo ha precisi limiti e anche qualche difetto, ma è quello che finora mi ha dato maggiori soddisfazioni e riscontri concreti.

venerdì 12 agosto 2011

El momento exacto / The exact moment / Il momento esatto / A pontos pillanat

El nacimiento es un proceso que puede tardar muchos minutos. Por lo tanto discutir sobre ello es un poco como, más o menos, discutir del sexo de los ángeles o como decían los Latinos, es una cuestión "de lana caprina".
El momento "exacto" es el momento que se refiere a la carta astral que más demuestra "funcionar" para el nativo, como lo demuestra esta entrada de blog de mi excelente colega Laura Poggiani. 
La nascita è un processo che può durare diversi minuti. perciò, discutere del "momento esatto della nascita" è un po' come discutere del sesso degli angeli, è una questione "di lana caprina" come dicevano i Latini.

Il momento "esatto" è il momento al quale si riferisce il tema natale che dimostra di funzionare "meglio" per il soggetto, come dimostrato da questo articolo dal blog di Laura Poggiani.
A birth is a process that can have a duration of several minutes. Therefore, arguing about the "exact moment of birth" is similar to discussing about the sex of angels -- in fact, it is a question of lana caprina, as the Latins used to define the useless disputes on non-existent subjects.

In deed, the "exact" moment of birth is the moment for which the natal chart is cast that better matches the personality of the native, as this article points out. From Laura Poggiani's blog.
A szülés egy olyan folyamat, ami tarthat akár sok percig. Tehát, vitázni a "pontos születési pillanatról" egy kicsit olyan, mint vitázni az angyalok neméről: egy olyan abszolút felesleges vita egy nem létező problémáról, amelyről a Latinok úgy szoktak reagálni, hogy "Iterum de lana caprina?" (Már megint kecske gyapjáról van szó?)

Inkább az valakinek a "pontos" születési ideje, amire az a
születési horoszkóp vonatkozik, amely a legjobban felel meg az adott ember személyiségének, ahogy ez a cikk hangsúlyozza. Kollégám Laura Poggiani blogjáról.

domenica 26 giugno 2011

E' vero che le RSM vanno fatte almeno per tre anni di seguito?


Una frequentatrice del newsgroup di astrologia it.discussioni.astrologia, il 26 marzo 2006, tra altre cose, scrisse: ho letto che si dovrebbe fare la rivoluzione per non piu' di tre anni consecutivi. Ecco la mia risposta:

Se ti riferisci alla "Rivoluzione Solare", questa ti càpita tutti gli anni, nei tre giorni attorno al compleanno, per tutta la tua vita e forse anche dopo...

Se ti riferisci alla "Rivoluzione Solare Mirata" (che è quella che io preferisco chiamare "Rilocazione della Rivoluzione Solare"), secondo me è consigliabile farla tutti gli anni, o per meglio dire: è consigliabile verificare tutti gli anni se vale la pena o meno spostarsi per avere una RS migliore, o perlomeno per evitare di beccarsi una RS pessima se si rimane a casa o se ci si trova comunque nel luogo meno indicato. Vorrei anche specificare che, magari, uno spostandosi per il giorno del compleanno, peggiora notevolmente la situazione rispetto a quella che avrebbe restando a casa. Insomma, quando si dice Rivoluzione Solare Mirata o Rilocazione della Rivoluzione Solare, questo non significa automaticamente spostarsi tutte le volte in capo al mondo: è una situazione che va valutata di volta in volta (cioè di anno in anno).

Ma siccome gli "effetti" (se così vogliamo chiamarli) benéfici di una corretta pratica delle RSM si rivelano anche e soprattutto sulla distanza, a mio avviso conviene "fare la rivoluzione" (nel senso detto sopra: studiare il grafico in anticipo e progettare un eventuale spostamento e/o un'attenta operazione di esorcizzazione dei simboli) tutti gli anni e il più a lungo possibile. Se uno crede in un metodo e si trova bene e nota che, nel suo piccolo, la cosa funziona, non vedo motivi per non continuare a oltranza, anno dopo anno. E' un po' la stessa cosa dei transiti: se uno "ci crede", li usa e nota la loro validità, allora li usa sempre: non è che considera i transiti solo per tre mesi e poi se ne dimentica per tutto il resto dell'anno.

La seconda domanda che fu posta in quel frangente fu:

E, soprattutto, come puo' essere considerata la rivoluzione se una persona va a vivere in un luogo diverso da quello di nascita -quindi non solo per i tre gg della rivoluzione? Ancora una volta, ecco la mia risposta:

La rivoluzione non dura tre giorni. Si tratta di un momento ben preciso che va calcolato col massimo rigore e che, al limite (considerate le solite incertezze sull'ora di nascita e applicando margini di tolleranza ben collaudati), si può considerare che duri una ventina di minuti. L'importante non è allora dove uno abita all'anagrafe o dove soggiorna di solito, ma dove si trova fisicamente in quei fatidici (o magici) venti minuti. Questo viene scritto a chiare lettere da diversi autori, in diversi testi e in diverse epoche.

Dunque la RS di un soggetto residente lontano da casa si calcola e si considera allo stesso modo nel quale si considera la RS di uno che non si sposta mai di un metro da casa sua: cioè va domificata per il luogo in cui il soggetto si trova fisicamente nel momento esatto della RS.

Questo, dal punto di vista strettamente "tecnico" (calcoli, domificazione): perché è ovvio che l'interpretazione del grafico (di qualsiasi grafico e di qualsiasi situazione astrologica: tema natale, transito, rivoluzione) non può prescindere dalle informazioni generali che abbiamo sul soggetto. Così come non interpreteremmo allo stesso modo un tema natale maschile o femminile, e non interpreteremmo allo stesso modo un transito che riguarda un novantenne o un sedicenne, allo stesso modo anche l'interpretazione della RS va inquadrata nella situazione del momento, cioè nel periodo particolare che sta vivendo il soggetto. Da questo punto di vista, il fatto che il soggetto sia giovane o vecchio, sano o malato, ricco o povero, residente nel luogo di nascita o emigrato, sono tutte informazioni importanti che ci aiutano a inquadrare meglio la sua situazione e pertanto a intepretare meglio il grafico.

Preciso (se ce ne fosse bisogno) che queste mie risposte NON sono obbiettive perché (ovviamente) riflettono la mia visione personale dell'Astrologia e le indicazioni della scuola astrologica alla quale aderisco.