mercoledì 21 ottobre 2009

Due domande (e relative risposte) sulle Rivoluzioni Solari Mirate


Intervento postato originalmente sul mio spazio WindowsLive il 4 maggio 2006

LA PERMANENZA NEL LUOGO DI DESTINAZIONE DI QUANTO DEVE'ESSERE? PERCHE' HO LETTO NEI LIBRI DI DISCEPOLO CHE QUALCHE SUO CLIENTE E' STATO SOLO IL TEMPO DEL COMPLEANNO...

Sì, è proprio così. Teoricamente possono bastare pochi minuti. Il problema è che non essendoci mai la certezza dell’ora di nascita, anche il momento della RS va considerato con una certa elasticità. Dunque vale la pena calcolarlo con un certo margine di tolleranza, nell’ordine di almeno una mezz’ora abbondante. Vanno considerate alcune cose fondamentali:

- l’orario della RS nei grafici prodotti dal software ASTRAL (che utilizzo) è espresso in ora universale o GMT, che non è la stessa cosa che l’ora di Londra (di solito sì, ma con l’ora legale, a Londra spostano le lancette avanti di un’ora rispetto al GMT)

- per sapere a che ora (locale) ci si deve trovare in una certa località, tocca a voi fare gli opportuni calcoli (verificare il fuso orario, l’ora civile in vigore in una certa nazione per quel periodo). Potete farvi aiutare da un’agenzia di viaggi, cercando su Internet oppure anche tenendo presente la posizione del Sole nelle case del grafico di RS (se il Sole è in Prima siamo 1-2 ore prima dell’alba, se è in 12^ è sorto da poco, se è al MC siamo ovviamente attorno a mezzogiorno, nella 9^-8-^-7^ siamo di pomeriggio-sera e così via)

- è meglio partire in anticipo, in modo da essere sicuri di trovarsi sul posto in tempo considerando eventuali imprevisti (traffico, controlli antiterrorismo, ritardi nei voli o nei treni, coincidenze perse ecc…). Se si può, è meglio partire piuttosto uno o due giorni prima

- dato che si fa un viaggio, tanto vale visitare il posto dove si va e godersi un paio di giorni di pausa dalla vita quotidiana.

- una volta arrivato il “momento magico”, non serve restare oltre sul luogo: si può prendere il primo aereo (o treno) e tornare a casa. Teoricamente, si può anche trascorrere il momento della RS nell’aereo che si sta preparando al decollo (o nel treno pronto a partire) per portarci a casa. Tanto oggigiorno è escluso che un mezzo di trasporto pubblico parta in anticipo: piuttosto partirà puntuale o in ritardo rispetto all’orario previsto.

- l’astrologo ha già fatto molto per voi, non chiedetegli anche di organizzarvi il viaggio!

MI SEMBRA DI CAPIRE CHE NON SI PUO' CONSIDERARE IN ASSOLUTO SOLO L'ASC NELLE CASE DI NASCITA, MA VALUTARE TUTTO L'INSIEME, QUINDI CALCOLARE L'INDICE DI PERICOLOSITA' DELL'ANNO E' IL MODO PIU' EFFICACE?

L’indice di pericolosità è basato su un algoritmo che valuta il peso dei transiti alla luce della RS. Una buona RS è in grado di ridurre eventuali “effetti” negativi dei transiti, mentre una RS pessima può comportare un anno pesante anche in presenza di transiti molto buoni. Il controllo dell'indice di pericolosità dell'anno a seconda delle località "papabili" per una possibile RSM può dare pertanto una conferma indiretta della bontà di una meta piuttosto che un'altra.

La RS poi, a livello di interpretazione, va valutata in base a pochi elementi fondamentali: l’Asc. è uno di questi, ma non è né l'unico né il primo in assoluto. Vi sono 4 elementi che hanno fondamentalmente lo stesso peso nel grafico di RS: dove cade l'Asc. rispetto alle case di nascita, e dove cade il Sole, Marte o un eventuale stellium rispetto alle case di RS.

Questi 4 elementi concorrono per un buon 90-95% a indicare quali saranno gli avvenimenti principali dell'anno. Si può anche guardare dove cadono gli altri pianeti di RS nelle case di RS, e questo concorre per il restante 5%.

Tutto il resto ha importanza davvero minore, se non irrilevante.