giovedì 9 luglio 2009

La rettifica dell'ora di nascita



Da uno scambio di messaggi avvenuto tempo fa su it.discussioni.astrologia.

Qualcuno aveva scritto: "molto spesso, persino nel mio caso, non ho mai la certezza che la mia ora di nascita sia giusta."

E' un dubbio sacrosanto e direi quasi doveroso per un buon astrologo. Mai prendere per buona l'ora che ci viene fornita, e come minimo chiedere da dove proviene l'informazione: ricordi dei genitori, documenti ufficiali o che altro? Tutti qui, sul newsgroup it.discussioni.astrologia, ti hanno consigliato delle ottime tecniche di rettifica, che andrebbero usate tutte insieme.

Un buon metodo consiste nel valutare se il Sole si trova in un campo o in un altro; anche se in modo meno clamoroso, pure altri elementi del grafico (ascendente, Luna, Marte, gli altri pianeti...) possono dare utili indicazioni, specialmente se al momento della nascita stavano proprio lì lì per cambiare segno o campo.

Va benissimo studiare con attenzione l'entrata di Marte di transito nelle case radix, tenendo conto che normalmente (un po' come l'amico pasticcione ed esuberante che appena entra in casa si fa subito notare combinando qualche piccolo-grande guaio) anche Marte si "annuncia" fin dai primi giorni (addirittura il giorno stesso) del suo ingresso con qualche piccolo o grande segnale. Detto in altri termini, Marte tende a "scaricare" subito la sua energia, se così vogliamo dire, in base alle simbologie della casa in cui entra.

Allora se Marte entra in Terza si potrà avere un inceppamento alla stampante o una inattesa lite al telefono; se entra in Seconda potrebbe essere una spesa inattesa o un guadagno imprevisto, e così via; se entra in Quarta potrebbe bruciarsi una lampadina o (come è successo a una persona che conosco) potrebbe saltare la capocchia di un fiammifero mentre si accende il gas sotto la caffettiera, e la capocchia incandescente potrebbe finire sulla manica del vestito creando un momento di panico in casa, ma nulla più.

Un buon metodo per controllare gli ingressi di Marte è quello di preparare una semplice tabellina:
- in una colonna ci metti: Marte in 1^, Marte in 2^, Marte in 3^ e così via.
- nella seconda colonna ci metti la data prevista per l'ingresso di Marte in 1^, in 2^ ecc. così come li hai calcolati tu (meglio che sia un buon software a fare questi calcoli).
- nella terza colonna ci metti la data in cui è avvenuto qualcosa che sembrerebbe segnalare la presenza di Marte in quella casa.
- nella quarta colonna ci metti +1 se Marte si è "fatto sentire" un giorno dopo la data prevista, -3 se ha anticipato di 3 giorni l'ingresso previsto in una certa casa, e così via.

Siccome non sempre Marte si "fa sentire" (o magari siamo noi che non sappiamo bene quali "segnali" notare) è bene compilare questa tabella per almeno 2-3 anni, che è il periodo che Marte potrebbe impiegare a passare tutte le 12 case. Se alla fine di questo periodo noti una prevalenza, mettiamo, di +2, allora vuol dire che sei nata più tardi rispetto all'ora che hai considerato come punto di partenza.

Anche nei grafici di RS ci possono essere degli utili "indicatori". Non sto pensando tanto a dove cade l'Asc. di RS rispetto alle case radix, perché come giustamente ti ha fatto notare Sandra, se tu anticipi di 10 minuti l'ora di nascita, grosso modo si anticipa di 10 minuti anche il momento del return solare... Piuttosto dei buoni indicatori in questo senso possono essere i pianeti nelle case del grafico di RS. A posteriori, alla luce degli eventi relativi ai 12 mesi che intercorrono fra un compleanno o l'altro, per esempio, ti dovrebbe essere facile sapere se un certo Giove si trovava in 2^ di RS o in 3^ di RS; se Urano in un certo anno si trovava in 4^ o in 5^, o se Saturno si trovava in 9^ o in 10^ di RS.

La rettifica è però un processo complesso che non si risolve in breve tempo. Un ragionevole dubbio rimane sempre.

Ah! c'è un altro metodo, che io personalmente non uso ma mi risulta che sia piuttosto diffuso. Consiste nel fare un elenco delle date più importanti e significative della vita del soggetto: la laurea, il matrimonio, una promozione, un lutto, la nascita di un figlio ecc. Poi si va alla ricerca dei gradi zodiacali più frequentemente toccati dai transiti relativi. Mi risulta che ci siano dei software che fanno automaticamente questo lavoro, per esempio lo ZET9, che è un ottimo freeware che sto provando ultimamente (ma per altre sue interessanti caratteristiche; non per la rettifica).

Almeno in una fase iniziale della rettifica, come ti ha giustamente consigliato Renzo, può bastare un'occhiata critica al grafico per vedere come ti cambia sotto gli occhi in un certo arco di tempo. In questo gli astrologi di oggi sono molto più fortunati di quelli della generazione precedente, perché prima si doveva ricalcolare tutto a mano, anche se volevi vedere la differenza tra una nascita, mettiamo, alle 15:30 e una alle 15:32. Oggigiorno invece qualsiasi software astrologico ti mostra in tempo reale come cambia il grafico a intervalli di un minuto, 2 minuti, 5 minuti, un quarto d'ora, mezz'ora, un'ora, un giorno ecc.

In un certo senso è perfino un piacere vedere come si "anima" il grafico sotto gli occhi! Ed è anche un ottimo memento: noi siamo abituati a studiare un grafico fisso, statico, ma così, spesso ci dimentichiamo che non è che l'istantanea di un sistema in perenne movimento.